Diritto Pubblico Europeo - Rassegna online http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline <p><em>Diritto Pubblico Europeo – Rassegna online</em> (DPERonline) è una rivista scientifica di area giuridica, dedicata allo studio di temi di Diritto pubblico di respiro europeo i cui fascicoli sono pubblicati con cadenza semestrale e con la possibilità di pubblicazione di numeri speciali (special Issues)</p> <p>&nbsp;</p> Federico II University Press it-IT Diritto Pubblico Europeo - Rassegna online 2421-0528 Verso un ritorno allo Stato «interventista»? http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10785 <p>L’articolo analizza il rapporto tra il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e la Costituzione, anche economica, ponendo la riflessione se mediante il Piano non siamo ritornati al modello dello Stato interventista. Lo studio cerca altresì di analizzare il ruolo di Cassa Depositi e Prestiti, facendo emergere alcuni profili problematici</p> Antonio Saporito ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-19 2024-02-19 21 1 10.6093/2421-0528/10785 Il mercato dei contratti pubblici e la autoproduzione nella prospettiva dell’efficienza regolatoria http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10780 <p>È diffusa la convinzione che la c.d. autoproduzione di beni, servizi e forniture sia causa di sprechi e corruttele. Trattasi di una convinzione preconcetta, poiché non sempre avvalorata da dati empirici. E tuttavia ha storicamente portato alla ingegnerizzazione di ostacoli capaci di incentivare i soggetti pubblici a rivolgersi — nella quasi totalità dei casi — al mondo delle imprese. Anche quando avrebbero potuto e dovuto evitarlo. Se non fosse però che simile approccio, animato da una neppure troppo celata idea che le commesse pubbliche costituiscano uno strumento di politica economica per favorire lo sviluppo e la crescita della competitività del Paese, ha finito con l’alimentare proprio uno dei maggiori mali imputati all’amministrazione pubblica: quello di essere inefficiente. Lo scritto intende quindi esaminare la portata della differente relazione nella quale la regolazione giuridica italiana (d.lgs. n. 36/2023) sembra aver voluto inscrivere lo strumento del ricorso al mercato con quello dell’utilizzo di strutture domestiche. La soluzione propugnata appare tesa a sostituire la «fuga forsennata al mercato» con un più equilibrato «ricorso necessitato ad esso». Quante efficienza c’è nella nuova regolazione dell’autoproduzione? Qual è l’anatomia del mercato delle commesse pubbliche? E quella dell’autoproduzione? Quali le ragioni capaci di giustificare, in una prospettiva efficientistica, la pari-ordinazione tra mercato e autoproduzione?</p> Domenico Andracchio ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-16 2024-02-16 21 1 10.6093/2421-0528/10780 Recenti questioni sulla mobilità transfrontaliera e sul diritto al lavoro nell’Unione europea: implicazioni giuridiche ed economiche relative al mercato unico http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10774 <p>Il contributo ha ad oggetto il tema del mercato unico europeo e può sostanzialmente essere ripartito in due parti. Nella prima parte – corrispondente ai par. 2 e 3 – si tenta di mettere in luce l’elevato grado di specificità degli interventi capaci di incidere sulla completa instaurazione del mercato unico e l’eterogeneità delle questioni che, direttamente o indirettamente, possono condizionare il pieno raggiungimento di tale obiettivo. Ciò verrà sottolineato attraverso l’analisi di due vicende recentemente sottoposte all’attenzione della Corte di giustizia, entrambe concernenti questioni legate alla mobilità transfrontaliera dei lavoratori. In particolare, emergerà come la piena attuazione del mercato unico dipende non solo da un ravvicinamento delle discipline legislative nazionali, bensì anche dall’adozione di puntuali interventi – normativi, amministrativo-contrattuali e giurisdizionali – riguardanti settori economico-giuridici fra loro eterogenei. Nella seconda parte, corrispondente al par. 4, verranno prese in considerazione le (positive) ricadute macroeconomiche del sistema del mercato unico nelle economie degli Stati membri, con specifico riguardo agli effetti sul Prodotto interno lordo (PIL)</p> Gianluca Marcantognini ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-13 2024-02-13 21 1 10.6093/2421-0528/10774 La riserva di legge a tutela degli animali nel riparto di competenze tra Stato e Regioni http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10762 <p>Il contributo intende indagare le implicazioni costituzionali e legislative dischiuse dalla previsione di una riserva di legge statale sulle modalità di tutela degli animali all’interno dei Principi fondamentali della Carta repubblicana, con particolare riferimento agli effetti da questa esplicati sul riparto di competenze legislative tra Stato e Regioni. Da questa prospettiva, dopo aver esaminato l’interpretazione del nuovo art. 9, c. 3, Cost. fornita dalla giurisprudenza (anche) costituzionale, si analizzerà il potenziale contrasto tra la riserva di legge statale sui «modi e le forme di tutela degli animali» e la salvaguardia delle competenze legislative delle Regioni a Statuto speciale sancita dall’art. 3 della legge di revisione costituzionale n. 1 del 2022</p> Franco Sicuro ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-08 2024-02-08 21 1 10.6093/2421-0528/10762 Potenzialità e criticità del sistema nazionale di certificazione della parità di genere http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10761 <p>Il seguente contributo si propone di analizzare lo strumento della certificazione della parità di genere, prestando particolare attenzione alla sua applicazione nel settore dei contratti pubblici e alle criticità che l’istituto pone all’interno della nostra realtà sociale. In particolare, si tenterà di mettere in luce come il legislatore abbia scelto di promuovere l’ingresso e l’avanzamento delle donne nel mondo del lavoro in via mediata, seguendo una logica di tipo premiale e affidando tale compito alle imprese, quando forse sarebbe stato più opportuno adottare un approccio teso a potenziare i diritti sociali mediante l’introduzione di misure strutturali in grado di migliorare le condizioni delle lavoratrici madri e non madri</p> Elina Anfuso Matteo Vecchi ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-08 2024-02-08 21 1 10.6093/2421-0528/10761 Breve nota di presentazione degli atti del seminario: «La tutela dell’ambiente alla luce della legge costituzionale n. 1 del 2022» http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10786 <p>Breve nota di presentazione degli atti del seminario: «La tutela dell’ambiente alla luce della legge costituzionale n. 1 del 2022»</p> Fulvio Pastore Alfonso Vuolo ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-21 2024-02-21 21 1 10.6093/2421-0528/10786 Introduzione http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10787 <p>Introduzione</p> Alfredo Contieri ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-21 2024-02-21 21 1 10.6093/2421-0528/10787 Storia di un lungo e non del tutto compito percorso: Costituzione e ambiente in una prospettiva diacronica http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10788 <p>Il contributo analizza, in una prospettiva diacronica il rilievo assunto dall’ambiente nella Costituzione italiana anche nel quadro del processo di integrazione europea, per giungere ad analizzare i contenuti della legge costituzionale n. 1/2022, con la quale si revisionano gli artt. 9 e 41 Cost., al fine di valutarne la portata innovativa, nonché le possibili linee di implementazione</p> Fulvio Pastore ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-21 2024-02-21 21 1 10.6093/2421-0528/10788 La legge cost. n. 1 del 2022 e la tutela dell’ambiente http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10789 <p>Il contributo esamina il contenuto della l. cost. n. 1/2022, per saggiarne l’effettiva forza innovativa alla luce della pregressa produzione normativa (anche sovranazionale) e giurisprudenziale. In particolare, ci si sofferma sull’interesse delle future generazioni per poi affrontare il rapporto tra tutela paesaggistica e ambientale</p> Alfonso Vuolo ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-21 2024-02-21 21 1 Il principio ambientalista tra immanenza e scrittura costituzionale http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10790 <p>Il contributo si propone di svolgere riflessioni sulla portata effettuale della l. cost. n. 1/2022 che, come noto, ha modificato gli artt. 9 e 41 Cost. Più in particolare, indaga la differenza che è possibile cogliere tra ciò che essa produce nel breve termine sul tessuto dispositivo preesistente e sul formante giurisprudenziale (comune e costituzionale) e ciò che potrebbe produrre in un futuro (più o meno) prossimo per la naturale tendenza dei principi fondamentali a rappresentare un surplus conformativo delle tendenze ordinamentali e dei comportamenti sociali</p> Pierdomenico Logroscino Cosimo Pietro Guarini ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-22 2024-02-22 21 1 10.6093/2421-0528/10790 La tutela del paesaggio: verso un nuovo bilanciamento con la salvaguardia dell’ambiente dopo la riforma dell’art. 9 della Costituzione? http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10791 <p>Il saggio si propone di valutare gli effetti della legge n. 1/2022 di revisione costituzionale che ha portato all’introduzione della «tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni» all’interno dei principi fondamentali della Costituzione ed in particolare del novero dei beni tutelati dall’articolo 9 della Costituzione. In particolare il saggio, attraverso un’analisi normativa e giurisprudenziale, si sofferma sulle criticità relative al bilanciamento che dovrà essere effettuato, di volta in volta, tra la tutela dell’ambiente e la tutela del paesaggio, inteso nella sua accezione culturale, quale «forma del Paese»</p> Anna Papa ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-22 2024-02-22 21 1 10.6093/2421-0528/10791 La tutela dell’ambiente tra diritto costituzionale e diritto tributario: brevi note introduttive http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10792 <p>Il lavoro è una riflessione congiunta sul valore costituzionale ed economico dell’ambiente. Strutturato in due parti, nella prima, si ricostruisce il carattere giuridico di ambiente come categoria circolare e non dicotomica, avvalendosi della lettura critica sia sui rapporti con i diversi livelli di governo che del formante giurisprudenziale. Evidenziata la relazione sussistente tra mancata tutela delle risorse naturali e aumento delle diseguaglianze, nella seconda parte si punta, invece, sulla leva della fiscalità per promuovere comportamenti virtuosi e contrastare fenomeni di portata globale, quale il cambiamento climatico. Assodata l’importanza della tutela ambientale anche per l’ordinamento tributario, per cui la materia non si esaurisce nei tributi a natura risarcitoria, il saggio si sofferma sulla mancanza di un paradigma ordinatore di tali tributi. I profili tributari della tutela ambientale si chiudono con la rilevanza del tributo ambientale come una possibile via per definire sia l’assetto della potestà impositiva europea che quella autonomica delle regioni in Italia</p> Luigi D'Andrea Maria Assunta Icolari ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-22 2024-02-22 21 1 10.6093/2421-0528/10792 Politiche tributarie e tutela dell’ambiente. Novella costituzionale, sostenibilità e bilanciamento di interessi http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10793 <p>L’articolo analizza la recente modifica costituzionale degli articoli 9 e 41 Cost., in materia ambientale. La modifica, che ha suscitato molteplici polemiche, ha reso improcrastinabile la necessità che il legislatore ponga in essere – secondo la modalità trasversale, che da sempre qualifica la tutela dell’ambiente – politiche mirate ecosostenibili. Fra queste certamente può assumere un ruolo chiave la politica tributaria ambientale, che, nell’alveo del rinnovato assetto di principio europeo e costituzionale, ben può essere parte attiva di promozione del cambiamento, fungere da volano per lo sviluppo sostenibile e contribuire ad un rinnovato bilanciamento di interessi, a favore della generazione attuale e, soprattutto, delle generazioni future, espressamente richiamate dalla novella Costituzionale</p> Roberta Alfano ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-22 2024-02-22 21 1 10.6093/2421-0528/10793 Partecipazione dei privati nelle decisioni pubbliche in materia ambientale http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10794 <p>Il contributo si interroga sul ruolo che la partecipazione dei privati alle decisioni pubbliche può svolgere nel rendere attuale l’importanza che la l. cost. n. 1/2022 riconosce alla tutela dell’ambiente. In questa prospettiva, il lavoro è strutturato in una prima parte più generale, che analizza l’evoluzione della partecipazione dei privati alle politiche pubbliche in Italia, rilevando una crescente attenzione del legislatore regionale ai processi partecipativi, per poi concentrarsi su uno specifico caso di studio in materia ambientale, offerto dal progetto ISAAC, finanziato dall’Unione europea per promuovere la crescita del settore biogas come fonte di energia a emissioni zero</p> Valentina Capuozzo ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-02-22 2024-02-22 21 1 10.6093/2421-0528/10794 La libertà di cura e il suo pieno fondamento costituzionale nell’art. 32 Cost. http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10673 <p>La libertà di cura e il suo pieno fondamento costituzionale nell’art. 32 Cost.</p> Carlo Iannello ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-01-18 2024-01-18 21 1 10.6093/2421-0528/10673 Recensione a A.L. Tarasco e R. Miccù (a cura di), Il patrimonio culturale e le sue immagini. Diritto, gestione e nuove tecnologie, Napoli, Editoriale Scientifica, 2022 http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10746 <p>Recensione a A.L. Tarasco e R. Miccù (a cura di), Il patrimonio culturale e le sue immagini. Diritto, gestione e nuove tecnologie, Napoli, Editoriale Scientifica, 2022</p> Azzurra Baggieri ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-01-29 2024-01-29 21 1 10.6093/2421-0528/10746 Andrea Patroni Griffi (a cura di), Next Generation EU e PNRR: il futuro dell’Europa e del Mezzogiorno, Rassegna di diritto pubblico europeo, XXII, 1/2023 http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10674 <p>Andrea Patroni Griffi (a cura di), Next Generation EU e PNRR: il futuro dell’Europa e del Mezzogiorno, Rassegna di diritto pubblico europeo, XXII, 1/2023</p> Andrea Patroni Griffi (a cura di) ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-01-22 2024-01-22 21 1 10.6093/2421-0528/10674 Note della Procura Generale della Corte di Cassazione. Udienza delle Sezioni Unite penali del 18 gennaio 2024 http://www.serena.unina.it/index.php/dperonline/article/view/10675 <p>Note della Procura Generale della Corte di Cassazione. Udienza delle Sezioni Unite penali del 18 gennaio 2024</p> Avvocato Generale Pietro Gaeta ##submission.copyrightStatement## http://creativecommons.org/licenses/by/4.0 2024-01-22 2024-01-22 21 1 10.6093/2421-0528/10675