Enrico VII e le città lombarde (1311), tra duttilità politica e affermazioni autoritarie: qualche nota

Main Article Content

Federica Cengarle

Abstract

Ora rex pacificus, scelto dalla collettività come garante di pace, ora imperatore giudice, investito da Dio del proprio ruolo, ora duttile politico, ora autoritario detentore di diritti, ora misericordioso, ora inflessibile, in questo suo primo anno in Italia Enrico VII concilia, a seconda degli interlocutori e dei contesti urbani di riferimento, due diverse e contrapposte concezioni della sovranità, espressione talvolta di una volontà collettiva a livello locale, talvolta di un’indiscutibile autorità universale, dimostrando realismo politico al di là della necessità di difendere il “capitale simbolico” dell’impero.

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
CengarleF. (2014). Enrico VII e le città lombarde (1311), tra duttilità politica e affermazioni autoritarie: qualche nota. Reti Medievali Rivista, 15(1), 135-150. https://doi.org/10.6092/1593-2214/415
Sezione
Saggi in Sezione monografica

Articoli più letti dello stesso autore(i)