La statua di Teoderico ad Aquisgrana. Potere, arte e memoria tra antichità e medioevo

Main Article Content

Carlo Ferrari
https://orcid.org/0000-0002-3968-4687

Abstract

Sulla strada del ritorno da Roma dopo l’incoronazione imperiale, Carlo Magno ordinò che la statua equestre in bronzo collocata davanti al palatium di Ravenna e raffigurante il re ariano Teoderico fosse trasferita ad Aquisgrana – una scelta che è sembrata a molti difficilmente compatibile con il ruolo di sovrano cattolico e difensore della Chiesa di Carlo, e che è stata spesso spiegata facendo riferimento quasi esclusivamente alle qualità artistiche del monumento. Tuttavia, le ragioni che spinsero il nuovo imperatore a un gesto così sorprendente furono essenzialmente politiche e riconducibili in primis ai molti significati che il monumento equestre di Teoderico permetteva di esprimere. Trasferendo ad Aquisgrana l’effigie del grande re ostrogoto, Carlo Magno volle pertanto mostrare – dentro e fuori i suoi domini – in che modo egli intendesse la sua nuova dignità imperiale.

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
FerrariC. (2022). La statua di Teoderico ad Aquisgrana. Potere, arte e memoria tra antichità e medioevo. Reti Medievali Rivista, 23(2), 7-36. https://doi.org/10.6093/1593-2214/9383
Sezione
Saggi