Il referto di un’ordinaria stortura. La semantica dei tempi verbali nel “Reverendo” di Verga

  • Concetta Maria Pagliuca Università di Napoli Federico II
Parole chiave: naturalismo, imperfetto, passato remoto, normalità, aberrazione

Abstract

Il contributo si propone di analizzare Il Reverendo (Novelle rusticane, 1883) per mostrare con quali procedimenti Verga riesca a rendere ordinario per il lettore il racconto di una quotidianità abnorme, a far coincidere perversione e normalità. Grazie a un’attenta disamina dell’ingegneria dei tempi verbali si è giunti a tre conclusioni: l’imperfetto, tempo dell’ordinarietà, è prediletto nella cronaca delle nefandezze del Reverendo, che non sembrano troppo sorprendere il ‘coro’ che le commenta.  Il trapassato prossimo viene spesso impiegato per evitare l’uso del passato remoto. A quest’ultimo, le poche volte che appare, è attribuita una precisa funzione segnaletica: infatti, le sezioni della novella dove compaiono i passati remoti corrispondono ai momenti in cui personaggi diversi, portatori di un’etica altra rispetto a quella del protagonista, evocano una norma religiosa, un codice morale che dovrebbe essere (e non è) universalmente condiviso.

Downloads

Download data is not yet available.

Biografia dell'Autore

Concetta Maria Pagliuca, Università di Napoli Federico II

Concetta Maria Pagliuca si è laureata con lode prima in Lettere Moderne e poi in Filologia Moderna all’Università di Napoli Federico II e ha conseguito il Master di II livello in Didattica dell’italiano come lingua seconda all’Università di Napoli “L’Orientale”. Si occupa da diversi anni della soggettività nella narrativa moderna inglese, francese e italiana. Attualmente è cultore di letteratura italiana presso l’Università Federico II. Ha partecipato come speaker a diversi convegni, tra cui: Borghesia disambientata (Federico II, 2016), Nuove letture per Matilde Serao (Federico II, 2018), Letteratura e antropologia (Università del Molise, MOD 2019). Ha pubblicato un articolo intitolato “Lo stile dell’anima”, in «Status Quaestionis», 12, 2017 e ha schedato due romanzi (C. Arrighi, La scapigliatura e il 6 febbraio e L. Malerba, Il serpente) per i volumi de Il romanzo in Italia, a cura di G. Alfano e F. de Cristofaro, Roma, Carocci, 2018.

Pubblicato
2019-12-27
Come citare
Pagliuca, C. M. (2019). Il referto di un’ordinaria stortura. La semantica dei tempi verbali nel “Reverendo” di Verga. SigMa - Rivista Di Letterature Comparate, Teatro E Arti Dello Spettacolo, (3), 71-89. https://doi.org/10.6093/sigma.v0i3.6549
Fascicolo
Sezione
Sezione monografica I