Giambattista Lorenzi lettore di Cervantes: riflessioni su un “Don Chisciotte” napoletano

  • Assunta Claudia Scotto di Carlo Università di Napoli Federico II
Parole chiave: Don Chisciotte, Cervantes, Lorenzi, Paisiello, teatro

Abstract

Il contributo è incentrato sulla commedia per musica intitolata Don Chisciotte della Mancia, frutto della collaborazione tra Giambattista Lorenzi, autore del libretto, e Giovanni Paisiello, che ne compose le musiche. Il testo andò in scena per la prima volta nell’estate del 1769 in uno dei teatri più antichi di Napoli: il Teatro dei Fiorentini. Il libretto è stato spesso accusato di scarsa originalità perché troppo simile alle altre opere di argomento chisciottesco che erano state rappresentate negli anni precedenti in Italia. Attraverso l’analisi di alcuni punti del primo libretto si vuole mostrare che Lorenzi, pur muovendosi all’interno della tradizione teatrale che conosceva alla perfezione, sia riuscito a introdurre elementi originali all’interno della sua opera e che, per farlo, si sia confrontato anche con il romanzo di Cervantes.

Downloads

Download data is not yet available.

Biografia dell'Autore

Assunta Claudia Scotto di Carlo, Università di Napoli Federico II

Assunta Claudia Scotto di Carlo è ricercatrice di Letteratura spagnola presso l’Università di Napoli Federico II. I suoi studi si incentrano sulla letteratura dell’Otto-Novecento con particolare attenzione al genere autobiografico e alla poesia. Oltre a saggi e articoli, ha pubblicato i volumi Quando le locomotive erano orchi. L’infanzia nell’autobiografia (1890-1945) (Pacini, 2011), «Il vissuto e il narrato». I Recuerdos de niñez y de mocedad di Miguel de Unamuno (Edizioni Ets, 2012). Ha inoltre curato l’edizione critica della raccolta Poesías di Miguel de Unamuno (Edizioni Ets, 2016).

Pubblicato
2019-12-27
Come citare
Scotto di Carlo, A. (2019). Giambattista Lorenzi lettore di Cervantes: riflessioni su un “Don Chisciotte” napoletano. SigMa - Rivista Di Letterature Comparate, Teatro E Arti Dello Spettacolo, (3), 749-768. https://doi.org/10.6093/sigma.v0i3.6593
Fascicolo
Sezione
Varia