Le “Rime” di Michelangelo: un percorso di lettura

  • Enrico Fenzi Università di Genova
Parole chiave: Ficino, Nifo, bellezza, amore, fuoco

Abstract

Il saggio, come dice il titolo, consiste in una lettura delle Rime di Michelangelo seguendo il filo di alcune metafore e immagini centrali (per esempio, quella del fuoco) e cercando di ricostruire la dialettica che le anima. In particolare, è ridotta l’importanza del platonismo ficiniano, al quale la poesia di Michelangelo è stata spesso ricondotta, e per contro si segnala il probabile influsso delle opere del contemporaneo Agostino Nifo sulla bellezza e sull’amore. Si mette anche in rilievo l’atteggiamento di Michelangelo verso la propria arte e il proprio destino di artefice, e i colori drammatici delle tarde meditazioni sulla vecchiaia e sulla morte attraverso le quali il poeta riconferma la vitalità delle sue passioni, delle quali non ha di che pentirsi.

Downloads

Download data is not yet available.

Biografia dell'Autore

Enrico Fenzi, Università di Genova

Il saggio, come dice il titolo, consiste in una lettura delle Rime di Michelangelo seguendo il filo di alcune metafore e immagini centrali (per esempio, quella del fuoco) e cercando di ricostruire la dialettica che le anima. In particolare, è ridotta l’importanza del platonismo ficiniano, al quale la poesia di Michelangelo è stata spesso ricondotta, e per contro si segnala il probabile influsso delle opere del contemporaneo Agostino Nifo sulla bellezza e sull’amore. Si mette anche in rilievo l’atteggiamento di Michelangelo verso la propria arte e il proprio destino di artefice, e i colori drammatici delle tarde meditazioni sulla vecchiaia e sulla morte attraverso le quali il poeta riconferma la vitalità delle sue passioni, delle quali non ha di che pentirsi.  

Pubblicato
2020-12-21
Come citare
Fenzi, E. (2020). Le “Rime” di Michelangelo: un percorso di lettura. SigMa - Rivista Di Letterature Comparate, Teatro E Arti Dello Spettacolo, (4), 377-432. https://doi.org/10.6093/sigma.v0i4.7494
Fascicolo
Sezione
Sezione monografica II