Ricognizioni. Luoghi (e fantasmi) del trauma in “Ventisei” di Vittorio Sereni

  • Bernardo De Luca Università di Napoli Federico II
Parole chiave: Vittorio Sereni, prosa autobiografica, close-reading, luoghi del trauma, fantasmi

Abstract

In questo contributo si propone una lettura ravvicinata della prosa autobiografica Ventisei di Vittorio Sereni, delimitando due blocchi tematici che compongono l’ossatura del testo: la natura dei luoghi del trauma e la riemersione di diversi fantasmi psichici. Per quanto riguarda i luoghi, vengono isolate e analizzate cinque stratificazioni temporali e simbolico-culturali. Successivamente, si distinguono tre tipologie di apparizioni fantasmatiche. L’analisi punta a mostrare il delicato equilibrio tra le diverse forze liberate dal trauma che struttura questa prosa. In conclusione, si propone una riflessione sulla categoria di “futuro inattuato”, che apre alla dimensione progettuale dell’ultimo Sereni.

Downloads

Download data is not yet available.

Biografia dell'Autore

Bernardo De Luca, Università di Napoli Federico II

Bernardo De Luca è Ricercatore di Letteratura italiana presso l’Università di Napoli Federico II. Si occupa prevalentemente di letteratura moderna e contemporanea. È redattore della rivista «Filologia e Critica» e della collana Bites900. Ha curato l'edizione critica e commentata di Foglio di via di Franco Fortini (Quodlibet, 2018). Membro della giuria del Premio Internazionale Franco Fortini.

Pubblicato
2021-12-20
Come citare
De LucaB. (2021). Ricognizioni. Luoghi (e fantasmi) del trauma in “Ventisei” di Vittorio Sereni. SigMa - Rivista Di Letterature Comparate, Teatro E Arti Dello Spettacolo, (5), 73-95. https://doi.org/10.6093/sigma.v0i5.8785
Fascicolo
Sezione
Sezione monografica