TRIA FASCICOLO N. 28 (Giugno 2022)

CALL FOR PAPERS  (scadenza per la sottomissione dei paper: 10  Aprile 2022)

 

La transizione digitale per lo spazio contemporaneo

La società contemporanea affronta oggi un periodo di grande incertezza e complessità, relativamente al bisogno di evolversi per superare le sfide ormai stratificate della sostenibilità ambientale ma anche i più recenti sviluppi delle criticità pandemiche che inevitabilmente influenzano il modo di vivere la città. Il concetto di “transizione” diviene quindi elemento imprescindibile per definire le strategie di ripresa nel breve e nel lungo periodo: se da un lato la transizione ecologica si pone come solco fondamentale per controbilanciare gli effetti del cambiamento climatico e della qualità dello spazio cittadino, dall’altro la transizione digitale diviene un aspetto altamente innovativo da indagare per garantire una fruizione egualitaria alle opportunità che lo spazio urbano e architettonico offre ai suoi fruitori. Le soluzioni digitali puntano a consolidare il rilievo che la comunità deve avere all’interno del progetto e della pianificazione promuovendo tecnologie affidabili e approcci inclusivi che contribuiranno a cambiare il modo di percepire la realtà urbana.

La transizione digitale mira, dunque, a sostenere il rilancio degli aspetti culturali, funzionali e ricreativi della città e dello spazio contemporaneo, superando i limiti imposti dalla progettazione tradizionale; allo stesso tempo, punta a perseguire approcci sostenibili che amplifichino la partecipazione, promuovano spunti progettuali ecologici e responsabilizzino le scelte e i comportamenti di tecnici e utenti.

TRIA, nel prossimo numero, affronterà le criticità legate alla tematica della transizione digitale nella città contemporanea, e pone all’attenzione degli studiosi vari elementi di possibile approfondimento:
- Approcci digitali innovativi per il progetto della città contemporanea

- Le tecnologie digitali per l’accessibilità e la valorizzazione del patrimonio culturale

- L’evoluzione del concetto di smart city in funzione della complessità tecnologico-progettuale

- Mutamenti di governance all’interno della società post-Covid

- Innovazioni per incrementare la fruizione e l’accessibilità a servizi e funzioni culturali

- Innovazioni per la revisione architettonica e tipologica della città digitale

- Teorie e metodi di digitalizzazione dell’invaso architettonico per finalità ricreativo-culturale

- Piani e politiche relative all’implementazione della transizione digitale nel progetto urbano-architettonico

- Progetti di rigenerazione urbano-territoriale legati a nuovi strumenti operativo-tecnologici

I contributi potranno inoltre analizzare ulteriori tematiche relative al tema principale e fare riferimento ad aspetti teorici e metodologici nonché a casi studio di interesse nazionale e internazionale.

 

Istruzioni per la sottomissione degli articoli:

Gli autori dovranno inviare gli articoli alla mail antonio.acierno@unina.it prima del 10 aprile 2022. Potranno essere scritti in italiano, inglese e spagnolo rispettando le norme redazionali allegate. Gli articoli saranno sottoposti al regolare processo di referaggio a doppio cieco utilizzato dalla rivista.