Ultimo fascicolo

N. 28 (2022): La transizione digitale per lo spazio contemporaneo

La società contemporanea affronta oggi un periodo di grande incertezza e complessità, relativamente al bisogno di evolversi per superare le sfide ormai stratificate della sostenibilità ambientale ma anche i più recenti sviluppi delle criticità pandemiche che inevitabilmente influenzano il modo di vivere la città. Il concetto di “transizione” diviene quindi elemento imprescindibile per definire le strategie di ripresa nel breve e nel lungo periodo: se da un lato la transizione ecologica si pone come solco fondamentale per controbilanciare gli effetti del cambiamento climatico e della qualità dello spazio cittadino, dall’altro la transizione digitale diviene un aspetto altamente innovativo da indagare per garantire una fruizione egualitaria alle opportunità che lo spazio urbano e architettonico offre ai suoi fruitori. Le soluzioni digitali puntano a consolidare il rilievo che la comunità deve avere all’interno del progetto e della pianificazione promuovendo tecnologie affidabili e approcci inclusivi che contribuiranno a cambiare il modo di percepire la realtà urbana. La transizione digitale mira, dunque, a sostenere il rilancio degli aspetti culturali, funzionali e ricreativi della città e dello spazio contemporaneo, superando i limiti imposti dalla progettazione tradizionale; allo stesso tempo, punta a perseguire approcci sostenibili che amplifichino la partecipazione, promuovano spunti progettuali ecologici e responsabilizzino le scelte e i comportamenti di tecnici e utenti.

Pubblicato: 2022-06-27

Fascicolo completo

Visualizza tutti i numeri

Ambito scientifico e Comitato Scientifico Internazionale

TRIA è una rivista internazionale a circuito internazionale, incentrata sulle tematiche della pianificazione e della progettazione urbanistica spazianti nel più ampio contesto delle scienze della terra e di quelle sociali interessanti la processualità insediativa. La rivista propone sperimentazioni progettuali e pianificatorie maturate all’interno delle strutture universitarie e nelle istituzioni amministrative, deputate al governo della conservazione e delle trasformazioni del territorio. Programmata con periodicità semestrale e distribuita a cura della Edizioni Scientifiche Italiane, accoglie  nel comitato scientifico personalità emergenti delle  principali università degli studi italiane e di alcune università europee (Argentina, Germania, Francia, Messico, Regno Unito, Russia, Romania, Spagna, Portogallo, USA).

Valutazione delle submission  e peer review

Tutti gli articoli vengono valutati in una prima fase dagli editor, i quali possono decidere di rifiutare l'articolo, perché considerato non sufficientemente originale o al di fuori delle finalità e dell'ambito della rivista. Gli articoli che soddisfano questi criteri minimi vengono inoltrati ad almeno due esperti per iniziare la fase revisione. Questa rivista impiega la doppia blind review, in cui i referee e gli autori restano anonimi per tutto il processo.