«Assettando i vicari per le terre». Il governo delle città nel progetto politico di Enrico VII

Main Article Content

Paolo Grillo

Abstract

 

Nel 1311, Enrico VII tenta di controllare l’Italia settentrionale ponendo propri vicari nelle città. La maggior parte degli ufficiali imperiali, tuttavia, viene scelta fra i nobili delle campagne, che non sono in grado di governare con efficacia. In particolare, a Milano e nelle città confinanti vengono posti vicari originari della Francia e della Savoia, privi di legami con il mondo comunale. Le scarse qualità dei vicari, causano tumulti e rivolte e portano alla crisi del governo di Enrico in area lombarda.

Downloads

Download data is not yet available.

Article Details

Come citare
GrilloP. (2014). «Assettando i vicari per le terre». Il governo delle città nel progetto politico di Enrico VII. Reti Medievali Rivista, 15(1), 75-87. https://doi.org/10.6092/1593-2214/412
Sezione
Saggi in Sezione monografica