Una categoria linguistica ambigua: i preverbi ungheresi

Parole chiave: Grammaticalizzazione, Linguistica funzionale, Preverbi, Teoria dei prototipi, Ungherese

Abstract

Il preverbo rappresenta la categoria della lingua ungherese che ha il maggiore impatto sulla struttura argomentale e sulla semantica del verbo.  Questo elemento linguistico formalmente ridotto è legato al verbo, in una frase neutrale in posizione preverbale (da qui il nome “preverbo”), comportandosi a volte come partecipante in un’operazione di composizione, altre volte come unità linguistica in causa in un processo morfologico di tipo derivazionale. Esibisce un comportamento sintattico ambiguo in quanto sembra far parte del sintagma verbale quando precede il verbo, ma ha anche la facoltà di muoversi all’interno della frase come un costituente autonomo. Ecco perché l’inquadramento dei preverbi rappresenta una delle questioni più dibattute nelle grammatiche ungheresi, come avremo modo di mostrare mettendo a confronto le proposte di classificazione dei due indirizzi di pensiero principali, quello tradizionalista e quello strutturalista.

Biografia dell'Autore

Edit Rózsavölgyi, Sapienza Università di Roma

Edit Rózsavölgyi si è laureata in Lingue e Letterature Moderne presso l'Università di Verona nel 1986. Ha conseguito un PhD in Linguistica Applicata presso l'Università di Pécs. Nel 2018 ha ottenuto l’Abilitazione Scientifica Nazionale per la qualifica di professore di II fascia per il Settore scientifico-disciplinare L-LIN/19 Filologia ugro-finnica. Attualmente è ricercatrice presso la Sapienza Università di Roma dove ricopre anche l’incarico di responsabile dell’area di Studi ungheresi e di Filologia ugro-finnica. Gli ambiti della sua ricerca sono: tipologia linguistica; linguistica comparativa; relazione tra la storia della comunità linguistica ungherese e la sua identità culturale; letteratura ungherese modernista; studi traduttologici ungheresi; metodologia innovativa nell'acquisizione della seconda lingua. Nel 2016 ha vinto (con Lisa Griggio) il Premio Label Europeo delle Lingue, riconoscimento di qualità attribuito ai progetti di apprendimento linguistico più innovativi, istituito e coordinato dalla Commissione.

Pubblicato
2021-10-08
Come citare
Rózsavölgyi, E. (2021). Una categoria linguistica ambigua: i preverbi ungheresi. Studi Finno-Ugrici, N.S., 1, 1-49. https://doi.org/10.6093/1826-753X/8320